Fontana del Tritone

Storia

Nel centro della Piazza Garibaldi, che anticamente si chiamava Piazza Ferdinandea, si ergeva una statua dedicata a Ferdinando di Borbone. Dopo l’impresa garibaldina e l’unità d’Italia, abbattuti i simboli dell’antico regno, la piazza rimase vuota per diversi decenni e nel suo centro fu posto un lampione.

Lo scultore nisseno Michele Tripisciano, che viveva a Roma, ma che aveva conservato un profondo legame con la sua terra natale, progettò nel 1890 una fontana al cui centro vi doveva essere un gruppo scultoreo con il Tritone e cavallo marino, simili a quelli che aveva realizzato per la piazza di Marino vicino Roma.

Il bozzetto però rimase per molti anni nell’androne del Municipio e solo dopo la seconda guerra mondiale venne fuso nel bronzo e collocato nella fontana appositamente costruita dall’architetto Averna, che curò i restauri seguiti al bombardamento del 1943.

 

Testo a cura di Rosanna Zaffuto Rovello

Vuoi scoprire in anteprima la città?

Scarica subito la cartina di Caltanissetta!

Torna su
Translate »